Invecchiamento attivo

26 Maggio 2021

Si è svolta oggi 24 maggio, l’audizione dell’intergruppo parlamentare sull’invecchiamento attivo, organizzata dall’Onorevole Elena Carnevali e dalla Senatrice Anna Maria Parente, alla quale hanno partecipato Spi, Fnp, Uilp.

Per la Uil Pensionati è intervenuta la Segretaria nazionale Francesca Salvatore.

Secondo la Segretaria, l’invecchiamento attivo e in buona salute è un tema importantissimo che deve essere messo al centro dell’agenda politica del Paese, anche in considerazione del libro verde varato recentemente dalla Commissione Europea e su cui si è aperta una consultazione pubblica da poco conclusa.

Si deve diffondere la cultura di corretti stili di vita in quanto per invecchiamento attivo si intende una moltitudine di azioni e politiche per permettere a un numero sempre maggiore di persone di invecchiare attive ed in buona salute.

Per questo è importante incardinare in Parlamento l’iter per l’approvazione di una Legge nazionale sull’invecchiamento attivo.

Parlare di invecchiamento attivo significa discutere dei temi in campo lavorativo e previdenziale, nel settore dei servizi sociosanitari e in quello della salute.

Per questo è necessario guardare ad un nuovo sistema di welfare sulla base dei principi della coesione sociale, intergenerazionale e della riduzione delle disuguaglianze territoriali e di genere.

Vanno riaffermati con forza i valori della centralità della persona, della libertà, della solidarietà e dell’uguaglianza.

Fondamentale è riaffermare il valore della prevenzione, perché la prevenzione è avere cura di sé stessi, dei propri cari e dell’ambiente in cui si vive.

Le regole per una buona prevenzione sono poche e chiare e le possiamo riassumere così: mantenere uno stile di vita sano, fare attività fisica.

Per questo diventa fondamentale imparare sin dall’infanzia alcune buone abitudini quotidiane, quali le sane abitudini alimentari e l’importanza di svolgere con regolarità l’attività fisica.

Sottolineiamo l’importante ruolo che viene svolto dalle parti sociali nel consentire alle persone anziane di condurre una vita attiva e in buona salute.

È importante, dunque, valorizzare il ruolo del Sindacato dei pensionati, ruolo strategico e centrale per dare le giuste risposte al tema invecchiamento attivo.

Ma invecchiamento attivo ed in buona salute significa anche sostenere politiche volte alla flessibilità dell’età pensionabile e a garantire un importo dignitoso delle pensioni.

Giudichiamo negativamente il fatto che nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) non ci siano interventi sufficienti per garantire il diritto all’invecchiamento attivo ed in buona salute. Nel Pnrr mancano inoltre interventi volti a combattere l’esclusione digitale delle persone anziane. A nostro avviso, si sarebbero dovute utilizzare una parte delle risorse europee per favorire l’apprendimento permanente, finalizzato all’acquisizione di conoscenze che permangono nel tempo e necessarie a ogni cittadino per riuscire a inserirsi all’interno dell’ambito sociale, anche attraverso un grande piano nazionale di alfabetizzazione digitale della popolazione, soprattutto quella anziana.

Torna alle News

ARTICOLI CORRELATI

Servizio Civile DIGITALE

Servizio Civile DIGITALE

SERVIZIO CIVILE DIGITALE ITAL     Due progetti ITAL in collaborazione con la UIL PENSIONATI per lo sviluppo delle competenze digitali dei cittadini Nasce una collaborazione tra la UILP e l’ITAL, nell’ambito del Programma quadro di sperimentazione del...

leggi tutto

© 2021 Uil Pensionati Piemonte Privacy Policy – Cookie Policy – Tutti i diritti riservati