Audizione cronicità

26 Luglio 2021

Si è tenuta oggi 26 luglio, un’audizione dell’intergruppo parlamentare sulla cronicità e Spi, Fnp, Uilp sul Piano Nazionale delle Cronicità.
Per la Uil Pensionati ha partecipato la Segretaria nazionale Francesca Salvatore, mentre per l’intergruppo erano presenti, tra gli altri,, la Senatrice Paola Boldrini e il Deputato Nicola Provenza, costituenti del gruppo.
“La cronicità -ha dichiarato la Segretaria- è un’area in graduale crescita, che colpisce soprattutto la popolazione anziana e comporterà un notevole impegno di risorse, richiedendo continuità di assistenza per periodi di lunga durata e una forte integrazione dei servizi sanitari con quelli sociali e necessitando di servizi residenziali e territoriali finora non sufficientemente disegnati e sviluppati nel nostro Paese.
Le malattie croniche, come lo scompenso cardiaco, l’insufficienza respiratoria, i disturbi del sonno, il diabete, l’obesità, la depressione, la demenza, l’ipertensione, colpiscono l’80% delle persone over 65 anni e spesso si verificano contemporaneamente.
Secondo i dati dell’ISTAT nel 2019, più di un anziano su due, (circa 7 milioni di persone) presenta multi morbilità, riferendo almeno tre patologie croniche.
Dobbiamo contrastare con forza il concetto -ha affermato Francesca Salvatore- del “compatibilmente con la disponibilità delle risorse”, perché noi crediamo convintamente che sulle cronicità occorra investire per prevenire.
A distanza di quasi 5 anni dall’Intesa Stato Regioni sul Piano nazionale delle cronicità di settembre 2016 le azioni previste dal Piano si sono sviluppate a rilento e a macchia di leopardo tra le varie Regioni che lo hanno recepito ma con tempi e modalità differenti.
A nostro avviso si è ancora lontani dall’obiettivo di una presa in carico efficace dei pazienti cronici fondata su una forte integrazione tra l’assistenza primaria e le cure specialistiche, sull’assistenza a domicilio, sull’utilizzo a regime degli strumenti tecnologici come la telemedicina.
La pandemia, inoltre, ha impattato sull’erogazione delle prestazioni ordinarie, a partire dalle persone con cronicità, mettendo in evidenza tutta la fragilità del sistema di presa in carico territoriale e ospedaliera.
Sulle cronicità è necessario anche un confronto permanente e una condivisione tra tutti gli attori sociali.
Sulle cronicità è opportuno puntualizzare alcuni importanti concetti che vanno sviluppati e che per brevità di tempo riassumiamo per titoli: garantire su tutto il territorio nazionale i Livelli Essenziali di Assistenza in modo tale da assicurare servizi omogenei a tutti i cittadini in tutte le aree del Paese, nelle grandi città, nei piccoli centri, nelle aree interne più disagiate; l’attuazione del Piano Nazionale delle Cronicità deve diventare un Livello Essenziale di Assistenza del servizio sanitario nazionale; valorizzare la figura dell’infermiere di famiglia e di comunità; utilizzare personale formato e qualificato; garantire una maggiore integrazione tra sanità e sociale; fissare un adeguato finanziamento per le cronicità.
Fondamentale diventa il valore della prevenzione e mantenere uno stile di vita sano.
È utile ricordare a proposito che siamo l’unico Paese a non avere ancora una Legge nazionale sull’invecchiamento attivo.
Dobbiamo ribadire che alla base vi deve essere una sanità ad accesso universale, dal funzionamento efficiente ed efficace al passo con i tempi, che eviti gli sprechi.
Va ribadito , inoltre, come non sia più rinviabile una Legge Nazionale per la non autosufficienza che unitariamente UILP, SPI e FNP chiediamo da anni. Una Legge che aumenti in modo significativo le risorse e assicuri in ogni parte del Paese prestazioni, sostegni e servizi adeguati e uniformi, riducendo le attuali disuguaglianze tra Regioni e anche all’interno delle stesse Regioni.
Contemporaneamente, va potenziata l’assistenza sociosanitaria territoriale e va profondamente innovato il modello delle strutture residenziali socio sanitarie con la sperimentazione di residenzialità alternativa.
In tal senso, e concludo, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza rappresenta un’occasione storica che non dobbiamo sprecare per la costruzione del sistema dell’assistenza socio-sanitaria territoriale al passo con i tempi ed in grado di dare risposte rapide e concrete ai bisogni di salute e assistenza.

26 luglio 2021

Torna alle News

Clicca per votare questo articolo!
[Voti totali: 0 Media voti: 0]

ARTICOLI CORRELATI

Barbagallo per i pensionati

Barbagallo per i pensionati

Crescita dell'inflazione, Barbagallo: "I pensionati devono essere protetti adeguatamente" “La crescita dell’inflazione non è un bene per i pensionati, che negli ultimi 10 anni hanno perso circa il 30% del loro potere d’acquisto. Le pensioni, che oggi sono il vero...

leggi tutto
Alessandria Presidio in Prefettura

Alessandria Presidio in Prefettura

Spi, Fnp, Uilp Alessandria in presidio davanti alla Prefettura Si è svolto ieri, 31 maggio, davanti alla Prefettura, il presidio organizzato Spi, Fnp, Uilp Alessandria a sostegno dell’appello pubblico #tuteliamoglianziani. II suddetto appello, sottoscritto e...

leggi tutto
Invecchiamento attivo

Invecchiamento attivo

Si è svolta oggi 24 maggio, l’audizione dell’intergruppo parlamentare sull'invecchiamento attivo, organizzata dall’Onorevole Elena Carnevali e dalla Senatrice Anna Maria Parente, alla quale hanno partecipato Spi, Fnp, Uilp. Per la Uil Pensionati è intervenuta la...

leggi tutto
RSA

RSA

No alla cultura dello scarto Una lettera dei sindacati piemontesi dei pensionati rimette al centro il tema della domiciliarità delle cure. L’adesione dei medici e di decine di sigle del terzo settore. “È necessaria una riforma organica e a più livelli della cura della...

leggi tutto

© 2021 Uil Pensionati Piemonte Privacy Policy – Cookie Policy – Tutti i diritti riservati